Lettera agli studenti e loro famiglie

Care Studentesse e cari Studenti del Liceo Cairoli, 

avrete sentito dai media che il Ministero dell’Istruzione ha varato il Decreto in vista della chiusura dell’anno scolastico, prospettando due diversi scenari, uno in cui si prevede il ritorno a scuola e l’altro in cui, invece, si conclude l’anno con la modalità delle lezioni a distanza. 

In questo periodo di sospensione dell’attività scolastica presso le nostre sedi, la modalità della didattica a distanza è stato l’unico collante per mantenere vivo il legame con la scuola, l’unico ambiente di apprendimento che si poteva creare, non senza difficoltà per tutti. Ora il Ministro ha ribadito che la DAD è obbligatoria per tutti ed è il mezzo che consente di non perdere l’anno scolastico: tutti porteranno a termine il percorso di studi.

A questo proposito un pensiero particolare è rivolto agli alunni delle classi quinte: se si dovesse profilare il rientro a scuola entro il 18 maggio, come prevede il Decreto, affronteremo una Maturità diversa per l’organizzazione, ma conosciuta, in quanto in presenza di una commissione e di studenti seduti sui banchi; tuttavia è nostro compito prepararci a uno scenario differente e poco noto, di una Maturità a distanza, solo con il colloquio orale. Il Decreto non entra nello specifico, sarà compito di un’Ordinanza dettagliare i vari passaggi. Mi sento però di garantirvi che la scuola sarà assolutamente al fianco di ciascuno di voi, per consentirvi di affrontare al meglio e con successo la conclusione dei vostri studi presso il Cairoli. Faremo, come sempre, simulazioni di prove di esame, non appena sapremo come ci sarà consentito muoverci.

Vi invito pertanto a seguire le lezioni, a svolgere i compiti che vi vengono assegnati e ad essere puntuali nei vostri impegni con i professori, perché tutto sarà oggetto di valutazione.

In vista delle vacanze pasquali interrompiamo l’attività, come da calendario scolastico, per prepararci alla Pasqua, quest’anno del tutto inusuale. Ciascuno di noi ha una preoccupazione per un famigliare o per un amico che è più a rischio di altri di ammalarsi, qualcuno ha provato direttamente o indirettamente la malattia e ne è uscito, qualcun altro invece ha sofferto e soffre per chi si è ammalato e non è guarito. Sarà una Pasqua velata dalla tristezza, ma anche dalla speranza che alla fine usciremo dal tunnel.

Abbiamo certamente capito noi, poveri esseri umani, la nostra infinita fragilità. Abbiamo scoperto anche la dedizione di tanti medici, di tanti infermieri e operatori sanitari alla loro professione, vissuta non come un lavoro, ma come una missione solidale, unita a un alto senso del dovere nei confronti dei loro pazienti. La nostra gratitudine a loro e a tutte le altre categorie di lavoratori che non si sono mai fermati per il bene comune.

È con questo pensiero e con la fiducia che ripongo nella scienza, che vi auguro di trascorrere vacanze di pace in famiglia, per rientrare poi sui banchi virtuali delle nostre classrooms, pronti per la corsa finale. 

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Prof.ssa Bruna SPAIRANI

Risultati immagini per PRIVACY

Logo MAD

I prossimi eventi

Nessun evento trovato