“Le città sono sempre state come le persone, esse mostrano le loro diverse personalità al viaggiatore. A seconda della città e del viaggiatore, può scoccare un amore reciproco, o un’antipatia, un’amicizia o inimicizia. Solo attraverso i viaggi possiamo sapere dove c’è qualcosa che ci appartiene oppure no, dove siamo amati e dove siamo rifiutati”. Partendo da questa citazione di Roman Payne ci è possibile tracciare un breve ma significativo resoconto dell’esperienza che due classi del Liceo Linguistico Cairoli hanno da poco vissuto in terra tedesca.

Le due classi 3FL e 3AL di indirizzo tedesco-spagnolo e tedesco-francese sono state accolte presso alcune famiglie della cittadina di Leonberg (sud della Germania) per una settimana di “scambio”. 42 ragazzi accompagnati dalle docenti Maria Grazia Protti (docente di tedesco e responsabile del progetto), Rita Marelli (docente di lettere) e Rosanna Maccagnola (docente di spagnolo) hanno vissuto per una intera settimana  un’esperienza che senza alcun dubbio rimarrà nei loro ricordi. Grazie al progetto di scambio che da alcuni anni il liceo Cairoli mette in atto nelle classi di indirizzo tedesco/spagnolo e tedesco/francese i giovani pavesi hanno avuto l’opportunità di vivere pienamente un’esperienza linguistica che ha dato modo ad ognuno di loro di approfondire gli aspetti culturali e linguistici di un paese che pochi alunni  avevano finora visitato. Accolti da un gruppo di docenti di lingua italiana e dai loro partners tedeschi gli alunni pavesi hanno potuto conoscere un diverso sistema scolastico, relazionarsi in lingua tedesca e visitare luoghi incantevoli come la cittadina di Ludwigsburg nel sud del Baden-Württenberg e di Tübingen gioiello tedesco sede di una famosa università fondata nel 1477 il cui centro storico è di rara bellezza. Seppur inizialmente intimoriti una volta giunti a destinazione la calorosa accoglienza ricevuta ha cancellato ogni timore e ha dato il via a quello che ci piace considerare una relazione diventata amicizia. Bello pensare che, come dice Edgar Alan Poe “viaggiare è come sognare, la differenza è che non tutti, al risveglio, ricordano qualcosa, mentre ognuno conserva calda la memoria della meta da cui è tornato”.

Login

Go to top